Crazy Cat Lady Tshirt, Uomo Blu navy

B013EXSQGY

Crazy Cat Lady T-shirt, Uomo Blu navy

Crazy Cat Lady T-shirt, Uomo Blu navy
  • 100% jersey di cotone prelavato che rimane perfetto lavaggio dopo lavaggio
  • Stampe digitali su base in tessuto di alta qualit a 185g/m. Il peso ottimale per una t-shirt da uomo
  • 100% Cotone
  • Wash at normal temperatures, 30 degrees, inside-out. Be sure to iron it inside out too.
  • Colletto da circa 2,2 cm senza cuciture, collo e spalle rinforzate, cuciture doppie sulle maniche e sull'orlo inferiore.
  • Lavare a temperatura normale (30 gradi) e al rovescio. Stirare al rovescio.
  • I nostri prodotti sono completi di etichetta stampata sulla parte posteriore dell'articolo all'altezza della nuca, ed indicante la licenza ufficiale/il marchio originale - diffidate delle imitazioni
Crazy Cat Lady T-shirt, Uomo Blu navy Crazy Cat Lady T-shirt, Uomo Blu navy

GAMES

CONSOLE VIDEO GIOCHI

GIOCATTOLI E GIFT CARD

Straight Outta Paris Canotta Nero

Dalla nuova «Piramide» Feltrinelli ai grattacieli di Citylife: da sempre nel capoluogo lombardo sembra esistere l’idea di edifici capaci di segnare lo scorrere del tempo

di Stefano Bucci
Sprichwörter

1 di 7

Bankleitzahlen

La «Piramide» Feltrinelli

Ogni città, si sa, ha i suoi simboli. E, spesso, sono simboli estremamente passibili di variazione: dipende tutto dai modi, dei tempi, delle mode e (spesso) dalla politica. A meno che non si tratti di architetture, visto che (per definizione) grattacieli, palazzi, teatri, case semplicemente da abitare non sono (fisicamente) poi così semplici da rimuovere, anche una volta trascorse le mode. Vale anche per Milano, questa voglia di identificarsi con i suoi simboli; anzi forse molto più per Milano che per altre città europee: perché a Milano negli ultimi tempi si è costruito tanto (e spesso anche bene) e perché a Milano da sempre sembra esistere l’idea di edifici capaci di segnare lo scorrere del tempo (dal Duomo alla Torre Velasca dei BBPR, dalla Basilica di Sant’Ambrogio al Pirellone di Gio Ponti). La nuova Milano, ancora una volta, si mette dunque in mostra attraverso i suoi nuovi progetti: a cominciare dal più recente, la Fondazione Giangiacomo Feltrinelli a Porta Volta, quella progettata dal duo Herzog & de Meuron, una sorta di Comune della Cultura tutta di vetro e di acciaio che promette di diventare un centro di aggregazione.

  • Spezia Calcio
  • Calcio
  • Serata Legambiente sul consumo di suolo

    Qui i link ai video degli interventi durante la serata di  Legambiente  del 2 marzo 2017 su: Consumo di suolo.

    Damiano Di Simine - Resp.Scientifico Legambiente Lombardia  Camicia da uomo in pile, foderata Red Check

    Marzio Marzorati - VicePresidente Legambiente Lombardia  video 23'
    Roberto Galbiati - Comitato Referendum Carugate  video 11'

    NO all'ampliamento del Carosello

    L'Amministrazione in carica sembra non avere interesse a sentire l'opinione dei cittadini.
    Carugate in Movimento chiede invece di indire un REFERENDUM comunale per sapere  cosa ne pensano i Carugatesi .
    Qui di seguito i link ad alcuni documenti:

    1. Qualità dell'aria  (20 pagine Forum Ambiente)
    2. Monitoraggio dell'aria a Carugate nel 2010  (55 pagine ARPA Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente)
    3. Monitoraggio dell'aria a Cernusco nel 2011  (51 pagine ARPA)

    qui invece il progetto presentato da Eurocommercial (la Società che chiede l'ampliamento)

    1. presentazione della proposta  (11 pagine EuroCommercial)
    2. relazione descrittiva generale  (28 pagine Committente EuroCommercial)
    3. relazione sul traffico  (35 pagine Committente EuroCommercial

    Referendum Costituzionale

    Un articolo di AltroConsumo sulle ragioni del NO e del SI'  a questo link

    Le ragioni del NO  a questo link

    Il manifesto del SI'  Maglietta Id rather be wrestling Argento brunito

    Associazione Carugate In Movimento

    Chi gestirà  in futuro queste nuove aggregazioni? Ovviamente le utility guardano con molto interesse a questa prospettiva. Negli Usa la  Con Edison  di New York  ha lanciato un programma che coinvolge  centinaia di sistemi fotovoltaici abbinati a sistemi di accumulo  da gestire in funzione delle esigenze della rete, mentre la Southern California Edison  ha fatto un accordo con  Nest , che produce  termostati wireless intelligenti , per installare 50.000 dispositivi in altrettanti appartamenti, creando una sorta di centrale elettrica virtuale con una capacità complessiva di 50 MW.

    In Germania, la norvegese  Statkraft  controlla dai suoi uffici di Düsseldorf un insieme virtuale di ben 9.000 MW, che raggruppa, tra l’altro, 4.800 aerogeneratori, 100 centrali solari e 12 impianti a biomassa. Recente è un caso olandese dove si vuole creare una rete di 400 batterie Tesla Powerwall  attraverso il  programma pilota CrowdNett  con l’obiettivo di sviluppare modelli di controllo della domanda elettrica, aggregando diversi dispositivi di energy storage in una sola “ centrale virtuale ”, in grado di fornire servizi di vario tipo.